ECM corsi e congressi

Albi professionali

Attiva la PEC

Login area riservata iscritti

Burnout dei docenti e disciplina degli studenti

di Luca Mario Nejrotti

Lo stress degli insegnanti può essere legato a un rischio maggiore di provvedimenti disciplinari per gli studenti.

Stress da docenza.

Insegnare è un lavoro logorante, gli esperti sono d’accordo, ma uno studio dimostra come il burnout dei docenti possa risolversi in maggiori provvedimenti disciplinari per gli studenti (vedi).

Gli insegnanti di esperienza si rendono conto di come il loro umore abbia una ricaduta sulle classi che spesso non si limitano a rilevare che il proprio docente abbia avuto una brutta giornata, ma talvolta reagiscono esprimendo disagio e insofferenza.

Lo studio.
Per esaminare l’impatto del burnout degli insegnanti sui risultati del comportamento degli studenti, Eddy Colleen, una dottoranda presso l’MU College of Education, e i suoi colleghi del Missouri Prevention Science Institute, hanno condotto sondaggi tra insegnanti e osservazioni in classe in nove scuole elementari del Missouri. Hanno scoperto che quando gli insegnanti sono molto stressati ed emotivamente esausti, gli studenti nelle loro classi corrono un rischio maggiore di essere sospesi o subire provvedimenti disciplinari dagli amministratori scolastici.

Punizioni inutili e dannose.
“Rimuovere gli studenti dall’ambiente scolastico come forma di punizione può essere davvero dannoso, poiché la ricerca ha dimostrato che non solo riduce i risultati degli studenti, ma aumenta anche il rischio di abbandono scolastico”, sostiene Eddy. “Se vogliamo rendere le scuole un luogo positivo per l’apprendimento degli studenti, dobbiamo prima assicurarci che sia un luogo di lavoro positivo per gli insegnanti. Dando agli insegnanti strategie per gestire meglio il comportamento degli studenti irruenti, avranno più tempo per l’istruzione e per costruire relazioni positive con le classi.”

Buone pratiche.
Le strategie per gestire lo stress degli insegnanti suggerite dallo studio statunitense sono le solite, più semplici a dirsi che a mettersi in pratica, e includono meccanismi di adattamento personale, come il riflettere sugli aspetti positivi (letteralmente “di cui essere grati”), così come collaborare con gli amministratori scolastici per identificare modi per ridurre alcune delle richieste poste agli insegnanti sovraccarichi.
“Gli insegnanti hanno il potenziale per influenzare la vita di così tanti studenti nelle loro classi”, sostiene Eddy. “Pertanto, supportarli con le competenze di cui hanno bisogno nella gestione della classe e nella gestione dello stress è davvero importante perché avrà un impatto positivo sui loro studenti a lungo termine”.
Poiché negli USA quasi la metà di tutti i nuovi insegnanti (che hanno sistemi di accesso alla professione totalmente diversi che in Europa e in particolare in Italia) lascia il lavoro entro i primi cinque anni, la creazione di un sistema di supporto per aiutare a gestire lo stress può ridurre il loro burnout e migliorare i risultati degli studenti.

“La nostra ricerca è focalizzata sull’identificazione di ciò che possiamo cambiare negli ambienti degli studenti per migliorare i loro risultati di apprendimento e comportamentali”, sostiene Eddy. “Gli insegnanti sono importanti e la loro influenza sugli studenti è immensa. Sono superstar e meritano tutto il supporto che possiamo dare loro”.

Fonti.

https://www.sciencedaily.com/releases/2020/09/200915105929.htm

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter